Tariffe e Disponibilità



    Powered and secured by
  Sviluppato da Simplebooking   Protetto da Verisign

Fast Contact

Hotel Olimpico
Costa sud di Salerno
Via Lago Trasimeno
84098 Pontecagnano, Salerno
Tel. (+39) 089 203 004
Fax. (+39) 089 203 458
info@hotelolimpico.it

 

RECEPTION ONLINE RECEPTION ONLINE

» Clicchi e lasci il suo numero telefonico, anche di cellulare. Vi richiameremo noi in brevissimo tempo!!

     -Salerno, Italia ora locale: 17:52:32

Scegli l’Hotel Olimpico per il tuo soggiorno di lavoro a Salerno

Atrani - Erchie

Atrani

Subito a ridosso di Amalfi, sorge Atrani che ai tempi della Repubblica Marinara era quartiere residenziale della nobiltà e dei maggiorenti.  Storicamente, quindi, Atrani ha condiviso il destino di Amalfi: presso la Chiesa del SS.  Salvatore venivano incoronati i Dogi della Repubblica, mentre era dalla Chiesa del Bando, sulle pendici del Monte Aureo che sovrasta l'abitato, che venivano proclamate le sentenze e, appunto, i bandi del governo cittadino.

Raccolto intorno al Campanile della Collegiata S.M. Maddalena, il paese ha conservato la stessa struttura di allora: case addossate l'una all'altra vicoli, viuzze e scalinatelle che scendono verso la centrale piazza Umberto I.

Erchie

Da sempre spiaggia d'elezione dei salernitani più intraprendenti, Erchie è oggi un minuscolo, ridente villaggio che si inerpica lungo le pendici della Costiera Amalfitana in una piacevole ed ininterrotta serie di villette discretamente nascoste dietro curati giardini.

Il paese nacque come abbazia benedettina (poi restaurata nel 1966), che attirò un certo numero di residenti, fino alla devastazione operata da una scorreria saracena nel Il 54, inseguito alla quale venne abbandonato.

Nel 1451, l'Abbazia fu soppressa da Papa Nicola V, e la zona passò sotto dominio salernitano, iniziando un lento ripopolamento.

Erchie si offre all'abbraccio dell'azzurro mare della Costiera su due piccole ed eleganti spiaggette di sabbia, divise da una lingua di roccia.

Fino a pochi anni fa, era possibile passare dall'una all'altra attraverso una fenditura, oggi murata.