Hotel Olimpico

Litoranea di Pontecagnano Salerno (Italy)

  info@hotelolimpico.it

Tel: +39 089 203004  Fax: +39 089 203458

Positano, Sorrento, Napoli, Pompei, Paestum, Capri, Ischia, Salerno, Ravello, Ercolano

 

            Vesuvio, Vietri sul Mare, Maiori, Minori, Furore, Praiano, Caserta, Padula 

 

 

 

Carmela

(G.De Curtis)

Nel 1892 Giambattista De Curtis, quando lavorava ancora in un albergo a Sorrento, si ispiro' ad un occasionale incontro che egli ebbe realmente. Infatti un giorno, nel parco dell'albergo, gli venne incontro una giovane fanciulla che portava un cesto di frutta. Alla domanda "chi sei?" le rispose "Carmela e vengo a portare le primizie". Per attaccare discorso le chiese ancora "Di solito cosa fai?", in tutta prontezza le rispose "Cosa faccio? Dormo". Un lampo, un fulmine che non sprigiono' l'amore nella ragazza bensì l'ispirazione di questa gustosa poesia che divenne canzone. L'immaginazione del poeta si spinge fino ad augurarsi che fosse egli stesso l'interprete dei sogni della giovane.
 

 

CARMELA

Fore mura ce sta na picciotta,
'mmiez''e spine s'ha fatto na casa...
'ncopp''e ffronne s'addorme la notte...
e na rosa cchiù bella nun c'è...

Duorme, Carme':
'o cchiù bello d''a vita è 'o ddurmí...
Sònnate a me:
'mparaviso cu tico vogl'i!...

Ogne sera ca torna 'a campagna,
va cantanno na bella canzone...
Essa dice ca 'o core se lagna...
Stu dulore 'o capisco sul'i'!

Canta, Carme':
tantu bella è 'sta voce a sentí...
Canta pe' me,
ca tu 'ncielo mme faje saglì!

Nu vasciello venette 'a luntano,
e pusaje a Surriento na Fata...
'ncopp''o scoglio addó' sta Tramuntano...
'mparaviso stu sito nun c'è...

Viene, Carmè'...
T'arricuorde?...'Sta Fata tu si'...
Torna cu me:
'ncopp''o scoglio vulimmo murí...