Hotel Olimpico

Litoranea di Pontecagnano Salerno (Italy)

  info@hotelolimpico.it

Tel: +39 089 203004  Fax: +39 089 203458

Positano, Sorrento, Napoli, Pompei, Paestum, Capri, Ischia, Salerno, Ravello, Ercolano

 

            Vesuvio, Vietri sul Mare, Maiori, Minori, Furore, Praiano, Caserta, Padula 

 

 

 

Guglia dell'Immacolata

     

L'obelisco al centro della piazza; in un primo tempo nacque come monumento equestre a Filippo V (in Spagna si conservano due bozzetti della statua che ornò la piazza).
In seguito per volere del gesuita padre Pepe, che si battè per i diritti dei poveri ed aveva libero accesso a corte perchè stimato per la sua irruente dirittura morale, nel 1747 si costruì la bella guaglia barocca dedicata all'Immacolata, con grande costernazione del duca di Monteleone che temeva l'abbattimento dell'alta e svettante costruzione sulla facciata del suo palazzo.
Bisogna tener conto che Napoli è stata funestata da rovinosi terremoti, in ragione di un paio a secolo, che dal medioevo hanno distrutto sistematicamente quasi tutti i monumenti più importanti della città.
Ma le vibrate proteste del duca non ottennero il favore del re che, invece, avrebbe voluto collaborare di propria tasca alla grande "colletta" popolare voluta da padre Pepe che rifiutò per riuscire da solo (e vi riuscì) a raggranellare la non indifferente cifra fra i cittadini per pagare gli artisti che collaborarono alla stupenda costruzione.
Anche recentemente è stato operato un importantissimo consolidamento delle strutture portanti e dei ganci metallici che reggono le numerose sculture al corpo della guglia.
Il progetto della guglia dell'Immacolata è del Genoino su indicazioni dello stesso padre Pepe; le belle sculture sia statue a tutto tondo che medaglioni in altorilievo rappresentanti santi dell'ordine gesuita ed episodi evangelici, sono di Matteo Bottiglieri e Francesco Pagano. 
Il nuovo simbolo della potenza gesuita prendeva per sempre il posto dello sfortunato monumento a Filippo V che ebbe solo due anni di vita, dal 1705 al 1707, quando con l'ingresso degli austriaci a Napoli, la plebe, che infierì sui simulacri "a posteriori", l'abbattè.