Hotel Olimpico

Litoranea di Pontecagnano Salerno (Italy)

  info@hotelolimpico.it

Tel: +39 089 203004  Fax: +39 089 203458

Positano, Sorrento, Napoli, Pompei, Paestum, Capri, Ischia, Salerno, Ravello, Ercolano

 

            Vesuvio, Vietri sul Mare, Maiori, Minori, Furore, Praiano, Caserta, Padula 

 

 

 

Salerno. Castello Arechi

Il Castello di Salerno fa parte di un poderoso sistema difensivo realizzato nell’VII secolo dal longobardo Arechi II, che trasferì la capitale del ducato da Benevento a Salerno. Principe illuminato nonché ottimo politico, preoccupato dalle minacce dei Franchi, Arechi realizzò un eccezionale sistema difensivo sopraelevando e modificando le antiche mura e costruendo, forse su fortificazioni preesistenti, sull’alto del monte Bonadies, un poderoso castello.

La fortezza non fu, mai espugnata con la forza, ma Gisulfo II, ultimo principe longobardo di Salerno, si arrese nel 1077 al conquistatore normanno a seguito di un lunghissimo assedio.

E’ nel periodo del vicereame spagnolo, nel secolo XVI, che il castello assunse l’attuale configurazione. Nei primi anni del secolo XVII, mutati i sistemi di difesa, il castello perse, inevitabilmente, la sua originaria importanza ed iniziò, così il suo lento abbandono.

Agli inizi del secolo XIX, con il perfezionamento delle armi da fuoco, il castello di Salerno perse la funzione di fortezza, capace di assicurare, efficacemente, insieme ad altre fortificazioni, la difesa della città.

I lavori di restauro hanno permesso la creazione, nella zona recuperata e aperta la pubblico, di un primo nucleo espositivo delle ceramiche e dei reperti provenienti dal Castello stesso, di una biblioteca finalizzata allo studio delle opere di fortificazione, di una sala per mostre e di un salone per conferenze e congressi, oltre ad una serie di altri servizi indispensabili per il buon funzionamento del monumento stesso.

 

Il Castello degli Arechi - Salerno, è possibile visitarlo nei giorni e negli orari seguenti:

Orario di Visita Feriale Festivo Riposo settimanale
  9.00 - 18.00 9.00 - 18.00 -