Tariffe e Disponibilità



    Powered and secured by
  Sviluppato da Simplebooking   Protetto da Verisign

Fast Contact

Hotel Olimpico
Costa sud di Salerno
Via Lago Trasimeno
84098 Pontecagnano, Salerno
Tel. (+39) 089 203 004
Fax. (+39) 089 203 458
info@hotelolimpico.it

 

RECEPTION ONLINE RECEPTION ONLINE

» Clicchi e lasci il suo numero telefonico, anche di cellulare. Vi richiameremo noi in brevissimo tempo!!

     -Salerno, Italia ora locale: 2:37:21

Scegli l’Hotel Olimpico per il tuo soggiorno di lavoro a Salerno

Ischia

Da vedere:           

mappa dell'isola

La spiaggia di Sorgeto                     Come spostarsi sull'isola

Cenni storiciCASTELLO ARAGONESE
Ischia è uno dei primi luoghi d'Italia occupato dai coloni greci. E' probabile che già gli Arcanani di Capri vi avessero un insediamento prima che Eretri e Calcidesi occupassero l'isola. Pithecusae prosperò per molto tempo fino a quando le lotte intestine non indebolirono la sua compagine statale e l'eruzione del 500 a.C. non costrinse infine gli abitanti a volgere le spalle alla patria. Da questo momento l'indipendenza dell'isola è finita per sempre. Ierone I dopo la battaglia di Cuma la occupò per usarla come base contro i pirati tirreni; ma già dopo pochi anni una nuova eruzione costrinse i coloni ad abbandonare l'isola. Era naturale che in questa circostanza Neapolis, che aveva già in precedenza dato asilo ai profughi pitecusani, ne raccogliesse l'eredità ed occupasse l'isola. Poiché Ierone morì nel 467, l'occupazione napoletana è da fissare intorno al 450. E' questo il tempo dell'ascesa della città e Pithecusae è il suo primo importante acquisto. Come colonia di Napoli Ischia ne avrà probabilmente condiviso anche i culti; solo che Apollo fu qui venerato soprattutto come divinità salutare e accanto a lui le Ninfe nitrodie, protettrici delle sorgenti salubri dell'isola. Queste acque termali sono ancora oggi, come nell'antichità, la principale fonte del benessere dell'isola. La loro frequentazione, così come l'efficacia delle loro virtù terapeutiche, è attestata dalle numerose iscrizioni in onore di Apollo e delle Ninfe trovate in Ischia e per lo più decorate con rilievi votivi in forma di piccoli altari. Invece le miniere d'oro, alle quali i primi coloni calcidesi dovettero la loro ricchezza, sono da lungo tempo esaurite, e se ne è perduta ogni traccia. Ma la feracità dl suolo vulcanico è ancora quella di un tempo. Tutt'attorno all'isola la fascia costiera è un'unica  vigna, mentre più in alto boschi di castagni coprono le pendici dei monti prolungandosi per un buon tratto, finché si arrestano e si erge la nuda roccia.
L'isola, la più grande del golfo di Napoli, è divisa in sei diversi comuni.

Ischia
Un laghetto craterico ci accoglie al nostro arrivo è il Porto d'Ischia il più popoloso ed importante comune dell'isola. L'altra parte della cittadina si estende subito dopo le Terme, per circa tre km. di litorale che possiamo percorrere in vari modi: attraverso la magnifica Pineta, sorta sulla lava di un'eruzione ed oggi disseminata di graziose villette; oppure seguendo Via Roma e Via Vittoria Colonna con un interessante Museo che raccoglie le più antiche testimonianze di vita dell'isola; oppure ancora costeggiando con la Passeggiata Colombo il vasto e sabbioso Lido che si prolunga fino ad Ischia Ponte un piccolo centro di pescatori che all'estremità unisce con , appunto, un ponte l'isolotto rotondo del Castello Aragonese . Questa specie di fortezza galleggiante riassume la storia medioevale dell'isola. Assieme alle varie torri di vedetta che s'innalzano lungo la costa, essa è simbolo della lunga ed eroica lotta sostenuta dagli abitanti contro la furia dei Saraceni. Superata la possente cinta delle mura mediante una galleria scavata nella roccia si possono visitare: la Cattedrale, la Chiesa dell'Immacolata, il Convento delle Clarisse, con accanto il macabro Cimitero delle monache e il Castello con torrioni e mastio, dalla cui terrazza si gode uno stupendo panorama.

Casamicciola
Notissimo centro di soggiorno, di bagni e di acque termo-minerali, indicate per la cura di varie malattie. Bellissime passeggiate ed escursioni portano al colle della Sentinella su cui sorge un Osservatorio Astronomico e ai monti Rotaro ed Epomeo. Dalla cima di quest'ultimo, che è il più elevato, si apre un panorama magnifico che, oltre alla vista dell'intera isola, abbraccia la costa tirrenica per un raggio di oltre 100 km.

LACCO AMENOLacco Ameno
Elegante stazione termale e balneare raccolta in un'insenatura ai piedi dell'Epomeo. Di fronte alla bella spiaggia emerge dal mare il Fungo, curioso isolotto roccioso eroso dalle acque. Nella piazza principale troviamo il Santuario di Santa Restituta, patrona dell'isola, la martire cristiana bruciata sopra una barca che approdò poi miracolosamente in una rada accanto al paese il 17 maggio del 304. Questa data è ricordata ogni anno a Lacco Ameno con una festa che culmina, di notte, con luminarie e fuochi d'artificio.

Forio
Pittoresca, bianca borgata adagiata su un promontorio della costa occidentale dell'isola. E' il maggior centro di produzione del profumatissimo e dorato vino "Epomeo". Il torrione cilindrico che svetta sul paese è una delle 16 torri costiere erette nel Medioevo a difesa degli attacchi saraceni. Sull'estrema punta del promontorio, a picco sul mare, si erge il bianco Santuario del Soccorso, che conserva nell'interno numerosi ex-voto di marinai soccorsi dalla Madonna durante le tempeste. Fantastico, dal piazzale antistante la chiesa, è il panorama del Golfo di Gaeta, che spesso, al tramonto, s'illumina del fiabesco "raggio verde", che il sole proietta, calando all'orizzonte. Oltre Forio la strada procede tra vigneti e uliveti in vista della bellissima spiaggia di Citara, che si estende fino alla Punta Imperatore, con acque efficacissime per bagni termali e marini. Cuotto è una località caratteristica per le sue " fumarole". Panza è ormai sul versante meridionale dell'isola, qui una strada che scende per un profondo vallone porta al villaggetto di Succhivo immerso tra aranceti e frutteti.

S'ANGELOSant'Angelo d'Ischia
Costituito da poche case di pescatori addossate a un pendio è un incantevole villaggio sull'istmo fra due baie turchesi. L'istmo di Sant'Angelo è una sottile striscia di terra formante due spiaggette, che si congiunge a un alto promontorio roccioso. Lì di fianco l'incantevole Spiaggia dei Maronti, che si estende sotto la costa precipite con le sue fumarole erompenti dalla sabbia infuocata e con le sue sorgenti termali che sgorgano dalla roccia.

Serrara Fontana
Alle falde meridionali dell'Epomeo, che altro non è che un grandioso vulcano spento. Lungo i valloni troviamo Parrocchia, un pittoresco gruppo di case con una chiesa decorata da vivaci affreschi. Fontana è il centro più alto dell'isola (m.452) vi si trova la graziosa Chiesetta di Santa Maria della Sacca. Dopo Fontana la strada contorna il dirupato vallone nelle cui pareti di tufo si aprono varie grotte dette "cellai", che vengono usate come cantine. Scendendo si arriva a Buonopane e poco oltre, con vista sui Campi Flegrei, a Barano d'Ischia, borgo in stupenda posizione fra una cerchia di ubertose colline. Seguono poi Piedimonte, Molara, Sant'Antuono, Campagnano e il venerato Santuario della Madonna di Montevergine.

Da vedere

Chiesa di Santa Restituta: La santa protettrice del comune viene glorificata con una splendida costruzione risalente al XIV sec. sita nell'omonima piazza al centro del comune.

Museo e scavi di Santa Restituta: Il museo annesso alla chiesa presenta al visitatore tre sale con l'esposizione di oggetti sacri in argento, dipinti antichi e statuette risalenti al periodo barocco napoletano. Gli scavi invece sono divisi in quattro settori, nel primo troviamo impianti di fornaci e attrezzi per la lavorazione dell'argilla risalenti al VII sec a.C., nel secondo oltre a mura in opera "reticulata" ci sono sepolcri intagliati su pavimento di epoca romana ed infine un altare in pietra che conserva le reliquie di S. Restituta poste in un'urna, nel terzo troviamo un'ampia sala dove sono esposti oggetti che testimoniano la presenza dei primi coloni greci, il quarto ed ultimo settore offre la possibilità di visitare il cimitero cristiano con i numerosi sepolcri che si sovrappongono su di un triplice piano.

Villa Arbusto: Antica residenza di straordinaria bellezza architettonica costruita dal Duca D'Atri, Carlo D'Acquaviva nel XVII sec. su antichi insediamenti risalenti al periodo neolitico e all'età del bronzo, divenuta residenza del commendatore A. Rizzoli, ultimamente è stata acquistata dal Comune di Lacco Ameno ed adibita a museo.

Il Fungo: Enorme masso tufaceo scolpito dall'acqua e dal vento in quella particolarissima forma che ne ha fatto il simbolo del Comune e che si trova all'inizio del porticciolo della Marina di Lacco.

Baia di S. Montano: Splendida baia dove si distende l'omonima spiaggia, unica nel suo genere in quanto offre anche a chi non sa nuotare o a chi sa nuotare poco, grazie al fondale marino sabbioso e basso, la possibilità di bagnarsi e passeggiare nel mare allontanandosi dalla riva per diversi metri.

Torre Aragonese: Costruita nel XV sec. da Alfonso I d'Aragona utilizzata come torre d'avvistamento e da difesa contro i pirati saraceni.